DITO A MARTELLO: CHE FORMA HA?

Che-forma-ha-il-tuo-dito-a-martello-

Introduzione: dito a martello

Le dita esterne dei piedi sono costituite da tre falangi e da tre articolazioni, sulle quali si inseriscono diversi tendini, che in condizioni di normalità mantengono le dita dritte ma con una leggerissima curvatura.

In tal modo i polpastrelli possono toccare il suolo e concorrere con il resto del piede a mantenere l’equilibrio, oltre a permettere di spostarci, camminando o correndo.

Perché le dita si deformano?

Quando questo equilibrio si rompe per la presenza di patologie primarie come:

  • l’alluce valgo;
  • il piede cavo, a causa di uno squilibrio del tono muscolare;
  • la retrazione del polpaccio, ad esempio nelle donne che indossano spesso scarpe con tacchi alti;
  • patologie reumatiche come l’artrite reumatoide,

le dita iniziano a deformarsi, prima in forma flessibile e successivamente irrigidendosi in modo strutturato irreversibile.

Quanti tipi di dita a martello esistono?

A seconda dello squilibrio presente, le dita possono assumere tre diversi tipi di deformità, come illustrato nello schema  sottostante:

Che forma ha il tuo dito a martello 2

Nel dito a martello l’articolazione metatarso-falangea alla base del dito si presenta contratta in iperestensione, mentre l’articolazione interfalangea prossimale è deformata in flessione.

Questa deformazione spinge il dorso del dito verso l’alto, contro la tomaia della calzatura, con comparsa di dolore e callosità a tale livello, fino alla formazione nei casi estremi di borsiti ulcerate o suppurate.

Nel dito ad artiglio o a griffe, tipico del piede cavo e causato dall’ipertono secondario dei muscoli e dei tendini estensori – solitamente ben visibili sotto la cute a livello del dorso del mesopiede (la parte centrale del piede), – la flessione delle due articolazioni interfalangee e l’estensione della metatarso-falangea, comportano oltre al conflitto dorsale del dito contro la tomaia, anche quello della sua estremità contro il suolo, con la formazione di dolorosissimi calli pulpari subito sotto l’unghia particolarmente invalidanti.

Che forma ha il tuo dito a martello 2Nel dito a maglio la deformità è invece causata dalla contrattura del muscolo flessore lungo delle dita e interessa la sola articolazione interfalangea distale, che si irrigidisce in iperflessione.

A causa di ciò, il dito invece di appoggiare al suolo con il polpastrello appoggerà con la punta della falange distale, con formazione di dolorosissimi calli pulpari subungueali.

Dito a martello: come si risolve il problema

Fortunatamente il solo release del tendine, praticabile con un semplice ago in ambulatorio, risolve brillantemente questo problema senza alcuna convalescenza, con risoluzione immediata del dolore e scomparsa del callo pulpare in qualche giorno.

Identificare la tipologia esatta di dito a martello è  fondamentale per prevenire l’aggravamento della deformità nelle fasi iniziali e per instaurare il corretto trattamento chirurgico.

Il trattamento chirurgico del dito a martello

Il trattamento chirurgico delle dita a martello ha come finalità quella di disinnescare le forze deformanti presenti in ciascun specifico caso.

Questo significa identificare i tendini responsabili e sacrificarli selettivamente, scegliendo in modo corretto le  tenotomie da effettuare.

Quando ciò non è sufficiente, si deve procedere al riallineamento scheletrico mediante osteotomie correttive o resezioni ossee.

Con quale procedura viene eseguito il trattamento chirurgico del dito a martello?

Il trattamento chirurgico viene eseguito con una procedura percutanea mininvasiva, attraverso semplici forellini senza bisogno di incidere e aprire il dito.

Dita a martello: qual è la convalescenza post-operatoria?

Si tratta di piccoli gesti chirurgici ambulatoriali, che comportano brevi periodi di convalescenza, dopo i quali sarà subito concesso di camminare liberamente, seppur con una scarpa protettiva da indossare per sole due o tre settimane, tempo tutto sommato ragionevolmente breve in cambio della risoluzione definitiva di questo fastidioso e diffuso problema.

Scopri di più sul dito a martello